Ciofani: «Questo Bari c’è e vuole lottare per il massimo»

12/10/2020

«Il Mister è esigente; c'è da correre ma ci divertiamo»

L'esterno biancorosso Matteo Ciofani questa mattina ospite di RadioBari, la radio ufficiale dell'SSC Bari, dopo la convincente prova di Viterbo impreziosita dal cross da cui è scaturita la prima rete di Antenucci:

 

«Siamo contenti, è ovvio, sia della prestazione che della vittoria, ma anche non aver preso gol è stato importante; un segnale, soprattutto a noi stessi. Dopo tre trasferte e una sola sfida casalinga possiamo ritenerci soddisfatti; è importante vincere, ti fa lavorare meglio e così possiamo continuare quel percorso di crescita che abbiamo cominciato con il Mister. C’è da correre tanto, ma ci stiamo divertendo; è così quando vengono i risultati.
Aver svolto tutto il ritiro è di certo un vantaggio; il nostro è un gioco dispendioso e, se non sei a posto, rischi di andare subito in fatica. Ma mano che le partite passano, migliora anche la forma. 

Il Girone C è questo, si battaglia su tutti i campi. Non è ancora tempo di pronostici, ci sono risultati sorprendenti, ma sono molte le squadre che possono fare molto bene, oltre alle immancabili sorprese. Credo che a metà campionato si potrà fare una prima stima sui valori delle varie squadre, la nostra in primis. Il Mister ci fa notare sempre quando sbagliamo e come correggere alcuni aspetti; bravi fino ad ora, in questa fase di rodaggio, a non mollare mai e a portare a casa punti preziosi. Il Mister è esigente, ti da coraggio, vuole il massimo e per giocare con lui devi stare al massimo, mentalmente e fisicamente. Credo che tra qualche partita, quando anche gli ultimi arrivati entreranno in condizione, vedremo il vero Bari. Intanto stiamo dando un segnale, a noi stessi in primis: ‘Questo Bari c’è e vuole lottare per il massimo’. Ora sfruttiamo questi giorni senza partite per lavorare su alcuni aspetti, per far sì che chi è arrivato dopo si metta in pari col gruppo e per recuperare energie. Poi la concentrazione sarà fondamentale, come sempre.

Giocare senza pubblico ormai è consuetudine; non è bello, viene a mancare quella carica in più che solo i tifosi sanno dare. Le notizie sul piano nazionale non sono confortanti, ma speriamo di poter riavere presto i tifosi al nostro fianco. Al momento serve massima responsabilità; un positivo nel gruppo squadra crea davvero molti problemi, un danno, una situazione sgradevole all’interno del gruppo squadra. Capisco che, la limitazione della libertà, rende inquieto l’essere umano che cerca di evadere, ma dobbiamo essere responsabili al massimo, evitare situazioni che possano creare seri problemi non solo a noi stessi, ma all’intero gruppo squadra». 

Ultimo video

Focus on Adriano Montalto

sabato 17 ottobre 2020