De Laurentiis: «Vogliamo giocare i playoff; Bari merita di stare in alto»

20/05/2020

«Aggressivi e pronti, qualunque cosa succeda»

In attesa di conoscere le decisioni del Consiglio Federale in programma quest’oggi, il Presidente Luigi De Laurentiis, è intervenuto via skype sui canali di RaiSport: 

«E’ sicuramente un’attesa nervosa, stiamo contando i giorni. Sono passate settimane dallo stop al campionato; si sta cercando di capire come ripartire salvaguardando tutti gli investimenti, di tempo, lavoro, economici, fatti quest’anno. 

Un ulteriore rinvio darebbe un segnale di incertezza. Il calcio è un’industria e, come si sta facendo per molti altri settori, merita di ripartire, pur con tutte le difficoltà legate al rispetto dei protocolli sanitari del caso; prassi molto delicate e costi sicuramente impattanti. 
Il Presidente Gravina si è sempre detto pro ripartenza dei campionati, a salvaguardia di tante economie. In Lega Pro tante società sarebbero dell’idea di chiudere i battenti non potendo sostenere i costi di una ripresa; ma ci sono problemi contingenti nel non giocare, le problematiche legate ad uno stop dei campionati sarebbero molteplici, in primis la definizione delle classifiche, aspetti legati agli sponsor e non solo.
 
Noi siamo da sempre per tornare in campo e giocarcela, riteniamo sia la soluzione migliore. In 16 hanno votato per i playoff sulle 28 che avrebbero diritto a parteciparvi; mi chiedo cosa pensino le altre, comprese le 17 società che si sono astenute dalla votazione. Capisco possa essere una questione economica, ma questo fa pensare che il prossimo hanno saranno in tanti a non potersi neanche iscrivere; la C al momento è un campionato in difficoltà, che non sta in piedi. Ma non per questo si può penalizzare chi ha fatto investimenti importanti. 

Il parere dei medici della Lega Pro è di giorni fa, ci sono novità in merito. Se non tutti hanno strutture o economie, ritengo sia giusto dare a chi è in grado di adempiere a tutte le condizioni richieste, la possibilità di giocarsi l’obiettivo. Sono abituato a difendere i miei interessi, abbiamo investito in una piazza importante, non intendo arrendermi al primo segnale; siamo intenzionati a trovare un percorso che sia giusto. 

Il nostro è stato un campionato positivo; è stata, fino alla sospensione, una bella sfida contro un avversario, la Reggina, che ha fatto davvero bene, che ha investito e che ha fatto valere la maggiore esperienza di categoria; un campionato difficile, comunque il nostro primo di C: 25 risultati utili, con solo 2 sconfitte; la C è piena di insidie, forse qualche pareggio di troppo, ma abbiamo sempre lottato sul campo. Ci sono tantissime dinamiche al che una squadra giri bene, non credo farei nulla di diverso. Il progetto è solido e va avanti, con mister Vivarini, di cui sono molto contento; una persona per bene oltre che un ottimo professionista. Questo Bari è un brand che merita di stare in alto, ne ha caratteristiche e possibilità. Saremo aggressivi e pronti, qualunque cosa succeda.

La possibile riforma dei campionati di B, allargata, e C, semiprofessionista, mi trova d’accordo, ma sempre con criteri che puntino a società che abbiamo credibilità, che stiano in piedi». 

 

QUI per il video integrale dell'intervista

Ultimo video

#SerieC Highlights Catanzaro-Bari 1-1

martedì 10 marzo 2020